Stampa

Scelta del professionista

Come orientarsi nella scelta di un professionista

Di fronte a una sintomatologia di tipo psicologico (disturbi d’ansia, disturbi dell’umore, problemi di coppia, difficoltà con bambini piccoli e adolescenti…) ci si trova spesso in difficoltà nella ricerca e nella scelta di un professionista che possa rispondere alla richiesta d’aiuto, effettuare una diagnosi ed infine progettare un piano terapeutico adeguato.

È utile tener  presente che solo tre figure professionali (psicologo,psicoterapeuta e psichiatra) sono in grado di affrontare problematiche di tipo psicologico e che tali specialisti sono iscritti ad un albo. Quindi prima di intraprendere qualsiasi percorso vi suggerisco di verificare l’iscrizione, telefonando ai rispettivi albi ( cfr.link utili) o chiedendolo direttamente a loro.

Brevemente vi illustrerò le differenze tra questi tre professionisti:

  • Lo psicologo è abilitato all’esercizio della professione se è laureato in psicologia clinica,se ha svolto un anno di tirocinio post-laurea e se ha superato l’asame di stato.
  • Lo psicoterapeuta è uno psicologo o medico specializzato in psicoterapia, ha quindi frequentato una scuola post-laurea,di quattro anni con esame finale. Le scuole riconosciute dal MURST ( Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca) sono caratterizzate da differenti orientamenti di terapia ( terapia sistemica,dinamica,cognitivo-comportamentale…).
  • Lo psichiatra è abilitato all’esercizio della professione se è laureato in medicina e specializzato in psichiatria e più spesso è orientato alle terapie farmacologiche; lo psichiatra è automaticamente autorizzato all’esercizio della psicoterapia anche se non ha frequentato  necessariamente la scuola quadriennale.

In conclusione se avete individuato un professionista chiedetegli il suo percorso di formazione/professionale, tenendo presente ciò che desiderate ottenere da lui/lei.